Crollo Ponte Morandi, ecco chi sono i 20 indagati

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 settembre 2018 10:11 | Ultimo aggiornamento: 14 settembre 2018 13:30
Crollo Ponte Morandi, ecco chi sono i 20 indagati

Crollo Ponte Morandi, ecco chi sono i 20 indagati

GENOVA – Sono al momento 20 gli indagati per il crollo del Ponte Morandi a Genova, costato la vita a 43 persone lo scorso 14 agosto. Ma non è escluso che la lista possa allungarsi. Le accuse contestate sono disastro colposo, omicidio colpo stradale plurimo e omicidio colposo aggravato dalle violazioni delle norme anti infortunistiche.

Nella lista, riportata dall’Ansa, ci sono 9 dirigenti di Autostrade: il presidente Fabio Cerchiai e l’amministratore delegato Giovanni Castellucci, il direttore del Primo Tronco di Genova Stefano Marigliani e i suoi sottoposti Paolo Strazzullo e Riccardo Rigacci; il direttore operativo centrale Paolo Berti, Michele Donferri (direttore delle Manutenzioni), Mario Bergamo (ex direttore delle manutenzioni di Autostrade che per primo nel 2015 ritenne necessario l’intervento sul Morandi) e Massimo Meliani (responsabili ponti e gallerie). Riccardo Rigacci e Federico Zanzarsi, dirigenti del primo tronco. Fulvio Di Taddeo responsabile controllo viadotti.

Indagati anche i vertici dell’Unità di vigilanza del Ministero delle Infrastrutture: il direttore generale Vincenzo Cinelli e il suo predecessore Mauro Coletta; i funzionari Giovanni Proietti e Bruno Santoro.

Coinvolti nelle indagini anche tre ingegneri del Provveditorato ed uno dell’Ufficio ispettivo, che sono propaggini del ministero sul territorio. I nomi sono quelli del provveditore Roberto Ferrazza e i suoi collaboratori Alessandro PentimalliSalvatore BonaccorsoCarmine Testa, responsabile dell’Ufficio ispettivo.

Infine gli ingegneri della Spea Engineering, la società controllata del gruppo Atlantia, che realizzò il progetto di rinforzo, Massimiliano Giacobbi, ed Emanuele De Angelis.