Pontina, auto inghiottita da voragine: uno salvo, l’altro disperso da un giorno, trascinato via dall’acqua

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 novembre 2018 9:48 | Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2018 9:48
Pontina, auto inghiottita da voragine: uno salvo, l'altro disperso da un giorno, trascinato via dall'acqua

Pontina, auto inghiottita da voragine: uno salvo, l’altro disperso da un giorno, trascinato via dall’acqua

ROMA – Strada statale 148, la vecchia Pontina all’altezza di San Vito vicino al Circeo, una voragine che improvvisamente si apre, l’auto inghiottita dal fiume d’acqua fuoriuscita dal grande tubo sotto il manto stradale, due uomini che lottano per riemergere: alla fine uno riesce a salvarsi, l’altro, l’imprenditore edile di 68 anni Valter Donà, è ancora disperso, un giorno e una notte interi di ricerche da parte di sommozzatori e vigili del fuoco non sono serviti a nulla.

Trascinato via dall’acqua: in quel punto, infatti, passa un grande tubo  di cemento dove confluiscono le acque dei canali che intersecano l’area. Ora, all’altezza del km 97,700, c’è una voragine larga dodici metri e profonda otto. 30 anni di vita per il tubo, forse la manutenzione carente, fatto sta che verso le sette di ieri mattina ha ceduto. “Stavamo andato a Roma – dice Vincenzo Libori al Messaggero – l’auto è finita nella buca, sono uscito, ci siamo aiutati a vicenda, mi ha dato una mano a risalire, gli ho detto di seguirmi ma è stato trascinato via”.

Ad assistere alla scena Ilaria Vallone, 25 anni, anche lei salva per miracolo: “Stavo andando a lavoro a Sabaudia e ho visto una parte che franava, ho fatto in tempo a passare, sono finita fuori strada, ma l’altra auto è sprofondata. Si è capito immediatamente che la situazione era difficile, sentivo delle grida poi più nulla”.