Porto Recanati: Jennifer Giuliani, madre di 28 anni, muore in casa davanti ai figli

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 maggio 2018 13:43 | Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018 13:43
Chiamano la mamma, che non risponde più. Bambini fanno una scoperta terribile

Chiamano la mamma, che non risponde più. Bambini fanno una scoperta terribile (Foto da Facebook)

PORTO RECANATI (MACERATA) – Tragedia in casa a Porto Recanati, in provincia di Macerata. Jennifer Giuliani, una donna di 28 anni, madre di due figli, originaria di Roma, è morta in casa, sdraiata sul divano del salotto.

A dare l’allarme sono stati proprio i due figli, due bambini di 8 e 2 anni, che la mattina, vedendo che la madre non si svegliava, sono andati dalla vicina di casa dicendole: “La mamma non risponde, ieri si è sentita male e ora non parla”.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

La donna li ha fatti entrare in casa, ha preparato loro la colazione e poi è andata nell’appartamento della vicina, al River Village. Qui ha trovato Jennifer senza vita. Ha subito chiamato i soccorsi, ma per la giovane mamma non c’era nulla da fare.

Da un primo esame affidato al medico legale, non ci sarebbero segni di violenza sul corpo della donna, ma bisognerà attendere i risultati dell’autopsia per capire che cosa abbia ucciso Jennifer.

Racconta il Messaggero: 

“La sera prima Jennifer era tesa e nervosa, faceva avanti e indietro dalla macchina all’appartamento”, ha rivelato un residente della zona. La figlioletta avrebbe poi raccontato che martedì sera, dopo la cena, la giovane era caduta a terra, forse per un mancamento: successivamente si era alzata e si era seduta sul divano, mentre i due bambini erano andati a dormire. Il mattino successivo, hanno provato a chiamarla ma invano. Il papà dei bambini e marito di Jennifer, nel frattempo, era ai domiciliari nell’appartamento al settimo piano dove vive con la madre: c’era finito a fine febbraio, dopo che la moglie lo aveva denunciato per maltrattamenti. L’uomo, un trentenne di Roma, è comunque estraneo ai fatti: peraltro, nelle stesse ore in cui la ragazza è morta aveva l’udienza di convalida del suo arresto, con l’accusa di evasione.