Cronaca Italia

Padre e figlio sub morti a Portofino, l’istruttore ascoltato in Procura

Alessandro P., l’istruttore subacqueo che ieri si e’ immerso in mare a Portofino con i due sub di Piacenza, padre e figlio, morti intrappolati nella grotta di San Giorgio, e’ stato ascoltato stamani dal pm della Procura di Chiavari Francesco Brancaccio che indaga sulla tragedia.

Il sommozzatore, che di professione fa il poliziotto a Milano, ha incontrato il pm presso la sede della capitaneria di porto di Santa Margherita Ligure e ha reso dichiarazioni spontanee agli investigatori per ricostruire quanto accaduto nella grotta. Dopo di lui e’ stata ascoltata in capitaneria anche la moglie e madre dei due sub morti, Isabella Castelli. Il pm e’ rimasto quindi nella sede della capitaneria di Santa Margherita insieme al comandante, Paolo Maioli, per ascoltare anche gli altri sub che hanno partecipato alla immersione.

Intanto, uno dei due titolari del diving center a cui si erano rivolti i due sub per partecipare all’immersione guidata, Antonio Pizzo, ha spiegato oggi che il suo istruttore ”ha cercato in tutti i modi di aiutare i due sommozzatori ad uscire dalla grotta senza esito. Il passaggio di uscita ha due metri d’acqua – ha spiegato Pizzo – mentre nel sifone in cui si trovavano ci sono 5 metri d’acqua. Alessandro e’ riuscito a percorrerlo avanti e indietro diverse volte ma loro non ci riuscivano. A un certo punto, per non lasciarli piu’ soli ha scelto di uscire direttamente dal sifone invece di immergersi di nuovo. Cosi’ li poteva tenere sotto controllo. Li aveva messi in assetto positivo – ha aggiunto Pizzo -, erano tutti e due coscienti. Poi, per qualche motivo, si sono spaventati e non sono stati piu’ in grado di svuotare il tubetto equilibratore e scendere nel passaggio per prendere il passaggio di uscita”.

Pizzo ha ribadito che Domenico e Angelo Ferrari, suoi clienti dal 2006, avevano molte immersioni alle spalle e avevano acquisito il brevetto ”avanzato”. ”Ieri – ha detto Pizzo – non era in atto una lezione, ma una immersione guidata. Un conto sono le responsabilita’ di chi gestisce una lezione, un conto quelle di chi fa la guida. In mare c’erano piu’ gruppi, quando il mio istruttore ha visto che loro due erano in difficolta’ li ha subito raggiunti per aiutarli”.

To Top