Poste Italiane e LILT, per i 100 anni della Lega per la lotta contro i tumori, annunciano il nuovo francobollo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Febbraio 2022 - 20:23
Poste italiane LILT francobollo

Il nuovo francobollo di Piste Italiane: 100 anni della Lega per la lotta ai tumori

Poste Italiane comunica che oggi 25 febbraio 2022 viene emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Senso civico” dedicato alla Lega italiana per la Lotta contro i TumoriLILT, nel centenario della fondazione, relativo al valore della tariffa B pari a 1,10€. Tiratura: trecentomila esemplari. Foglio da quarantacinque esemplari.

Poste Italiane, il nuovo francobollo LILT

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.

Bozzetto a cura del Centro Filatelico della Direzione Operativa dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.

La vignetta riproduce una versione semplificata del logo del centenario della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori armonizzato con il logo ufficiale. Completano il francobollo la scritta “Italia” e l’indicazione tariffaria “B”. L’annullo primo giorno di emissione sarà disponibile presso l’ufficio postale di Roma Nomentano.

Il francobollo e i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi saranno disponibili presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.

Per l’occasione è stata realizzata anche una cartella filatelica in formato A4 a tre ante, contenente una quartina di francobolli, un francobollo singolo, una cartolina annullata ed affrancata e una busta primo giorno di emissione, al prezzo di 15€.

LILT, “Nel futuro da 100 anni”

L’occasione è propizia per un piccolo bilancio (e la quota giusta di celebrazione) per la fondazione giunta ai cento anni di attività. Compito affidato a Francesco Schittulli, Presidente Nazionale LILT.

“Nel futuro, da 100 anni”: è questo il claim scelto dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) per celebrare il centesimo anno di vita. Una storia che sa di futuro fin dal lontano 25 febbraio del 1922, allorquando un gruppo di medici illuminati avvertì l’esigenza di mettere la lotta al cancro al centro del proprio impegno professionale fondando la LILT.

Un impegno che, nel corso dei decenni, ha assunto sempre più rilevanza, fino a diventare ai giorni nostri l’impegno di migliaia di volontari e operatori sanitari, attivi nelle 106 Associazioni provinciali e nei 397 punti prevenzione/ambulatori della LILT. Dati che fotografano la diffusione e la capillarità di un Ente pubblico che può contare su oltre 200 mila soci.

La grande intuizione dei fondatori della LILT, capaci di cogliere con largo anticipo l’importanza che la prevenzione avrebbe assunto nella lotta ai tumori, è oggi diventata il faro di un’azione che pone al centro le iniziative di sensibilizzazione per favorire l’adozione di corretti e sani stili di vita (prevenzione primaria), di visite specialistiche per la diagnosi precoce dei tumori (prevenzione secondaria) e della presa in cura dei malati oncologici e dei loro familiari, per gli aspetti fisico-riabilitativi, psicologici, sociali e occupazionali (prevenzione terziaria).

Senza dimenticare il quarto pilastro dell’impegno LILT: la ricerca oncologica con il finanziamento di oltre 100 progetti, e più di 20 milioni di euro erogati, oltre 152 borse di studio.

Questi i fronti aperti dalla LILT per condurre una lotta senza quartiere contro il cancro, che ogni anno trova concreta testimonianza nelle visite specialistiche erogate (590 mila nel 2021) e nelle numerose campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini: dall’adozione dei corretti stili di vita (sana alimentazione, moderazione nel consumo di alcol, stop al fumo, regolare attività fisica, protezione durante l’esposizione solare), alla diagnosi precoce (Nastro Rosa per la prevenzione del tumore al seno, Percorso Azzurro per la prevenzione dei tumori maschili).

Il Centenario, per la LILT e per tutte le persone che vi operano e la sostengono, è un passaggio fondamentale per ribadire lo straordinario percorso svolto e gli incredibili traguardi raggiunti. Non un punto di arrivo, ma un punto di partenza: vogliamo dare il nostro contributo alla costruzione di un futuro finalmente libero dal cancro”.