Potenza, macedone di 29 anni arrestato: si addestrava sul web come terrorista

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2018 12:44 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2018 12:44
Potenza, macedone di 29 anni arrestato: si addestrava sul web come terrorista

Potenza, macedone di 29 anni arrestato: si addestrava sul web come terrorista (Foto Ansa)

POTENZA – Un giovane macedone di 29 anni, Agim Miftarov, è stato arrestato con l’accusa di “addestramento ad attività con finalità di terrorismo internazionale”. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Durante le perquisizioni nella casa in cui abitava, in provincia di Potenza, sono stati trovati dei droni, abbigliamento militare e un cellulare in cui sono state rinvenuti numerosi video di propaganda jihadista e ricerche su tecniche di autoaddestramento, in particolare con l’uso di droni commerciali armati e realizzazione fai da te di pistole taser. Sui profili social dell’uomo gli investigatori hanno scoperto fotografie di terroristi armati e informazioni sulle attività del cosiddetto Isis, oltre a video di addestramento sull’uso e le potenzialità delle armi da guerra.

Ad insospettire gli inquirenti erano stati anche i molti viaggi lampo di Miftarov in Macedonia. Dopo uno di questi, il 9 novembre scorso, è scattata l’indagine vera e propria che ha portato all’arresto.

Miftarov è stato fermato la mattina del 10 luglio nel Centro di permanenza per il rimpatrio di Potenza, dove era stato portato il 27 aprile 2018 in seguito ad una perquisizione domiciliare che aveva permesso di trovare aeromobili a pilotaggio remoto (Apr), abbigliamento militare e smartphone. Dall’analisi di questi ultimi sarebbe emerso che l’indagato si stava “auto-addestrando in vista di eventuali future iniziative terroristiche, eventualmente anche in aree di crisi come la Siria, come peraltro testimoniato dai numerosi filmati visionati dal cittadino macedone sull’uso di droni commerciali armati, sulla fabbricazione di armi bianche e da fuoco nonché sulla realizzazione di dispositivi atti ad offendere (Taser) ricavati modificando e successivamente oggetti di uso comune”.