Potenza, rapita dall'ex vede la polizia e urla: un arresto

Pubblicato il 3 Aprile 2012 13:32 | Ultimo aggiornamento: 3 Aprile 2012 14:05

POTENZA, 3 APR – E' partito da Rimini all'alba per cercare di ricucire un rapporto ormai concluso con la sua ex fidanzata, una ragazza di 19 anni di Melfi (Potenza), ma la rabbia ha preso il sopravvento, e, sotto la minaccia, di un paio di forbici, l'ha costretta a salire sulla sua auto: il tentativo di rapimento, pero', e' stato sventato dal sangue freddo della studentessa la quale, lungo la stradale ''Bradanica'', alla vista di una pattuglia della Polizia, ha aperto lo sportello gridando ''aiuto'', allertando gli agenti. Il giovane, di 26 anni, residente anch'egli a Melfi, e' stato arrestato per sequestro di persona, violenza e stalking: i particolari della vicenda sono stati illustrati stamani, a Potenza, nel corso di un incontro con i giornalisti, dal comandante regionale della Polizia stradale, il primo dirigente Daniele Giocondi, e dal dirigente provinciale di Potenza, il vicequestore aggiunto Caterina Padula.

Il rapporto tra i due ragazzi era finito qualche mese prima, ma lui non si era rassegnato: per questo motivo ieri e' partito all'alba da Rimini, dove lavora come tecnico ambientale, per parlare con la ragazza. La studentessa e' stata avvisata da un'amica, che aveva visto l'ex fidanzato passeggiare nervosamente davanti al liceo scientifico frequentato dalle due, ma non e' riuscita a ''sfuggire'' all'incontro: lui l'ha costretta a salire sulla sua Fiat Punto, dirigendosi poi verso Foggia. Lungo la strada la ragazza ha cercato di chiedere aiuto con il suo cellulare, ma l'uomo se ne e' accorto e, parcheggiata la vettura in una zona isolata, ha distrutto il telefonino e ha picchiato la sua ex. A questo punto ha ripreso il viaggio lungo la ''Bradanica'' ma la ragazza, notando una pattuglia della Polizia stradale ferma per un posto di blocco, ha aperto lo sportello e ha chiesto soccorso: gli agenti hanno inseguito la Punto per un paio di chilometri, riuscendo a bloccare l'auto e ad arrestare l'uomo.