Povia: “Salvini ha ragione: i reati sono in mano agli stranieri”

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2018 10:55 | Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2018 10:59
Povia: "Salvini ha ragione: i reati sono in mano agli stranieri"

Giuseppe Povia

ROMA – “Matteo Salvini e la Lega non c’entrano nulla con i fatti di Macerata. Lui ha ragione: i reati sono in mano agli stranieri”: torna a parlare Povia. E torna anche a far discutere.

Il cantante, noto per le sue posizioni di destra su questioni come i gay e l’immigrazione, su Facebook ha detto la sua sulla vicenda di Pamela Mastropietro e Luca Traini, il giovane ex attivista di estrema destra e della Lega che sabato 3 febbraio ha sparato su undici immigrati di colore a Macerata.

“Mi hanno tagliato fuori da tutti i circuiti, ma sono sempre stato libero. Salvini non c’entra nulla con i fatti di Macerata, come non c’entra nulla la Lega, dice Povia. Leggo tanti commenti su questa cosa perché tentano di indebolire il consenso nei confronti della Lega, fanno credere al pubblico che chi voterà la Lega andrà a sparare per strada agli immigrati, ma questa è un’equazione che farebbero solo gli idioti. Purtroppo però di idioti ce ne sono parecchi in Italia”.

Quindi la difesa del leader del Carroccio:

“Salvini sull’immigrazione ha ragione al 100%. Non so se ricordate il caso di Kabobo, quello che col machete ammazzò tre persone a Milano. Il 24 gennaio uno del Camerun ha preso a sprangate un passante. Il 55% e oltre dei furti sono fatti di stranieri, come il 52% dello sfruttamento della prostituzione, la pornografia minorile, le estorsioni e le ricettazioni sono in mano agli stranieri. E l’omicidio di Pamela Mastropietro, ce lo siamo già scordati? Quante cose avrei da dire ancora, noi siamo in una guerra di civiltà, condanniamo il singolo caso ma non capiamo che c’è un problema più grande. La colpa è degli italiani, che non sono ideologizzati, perché con un ideologizzato si può parlare, ma sono proprio deficienti”.

Molti i commenti dai follower di Povia, che ha anche ricevuto tanti insulti. Se qualcuno, infatti, ha difeso le parole del cantante, in molti lo hanno criticato. E alla fine il cantante ha replicato:

“Leggo i soliti (pochi) utonti medi che commentano senza argomentare o usando le parole magiche: INNIORANTE, OD1O, RAZZ1STA, POPUL1STA, DEMAGOGG1A. Ripeto: Dovete ascoltare bene il video. Siete il futuro dell’Italia ecco perchè l’Italia non ha futuro. Seguite i cantanti-anestesia-finti-ribelli e autobannatevi dalla pagina. Sono io a non stimarvi, giusto per chiarire”.

Ma un utente di Macerata si fa sentire:

“Sono di Macerata, il pezzente razzista legaiolo Traini ha sparato anche davanti alla scuola di mia figlia, procurandole un grave attacco d’asma. Sei un tumore, Povia”.