Pozzuoli, tenta di salvare due giovani in difficoltà tra le onde: muore annegato

Pubblicato il 16 luglio 2012 20:03 | Ultimo aggiornamento: 17 luglio 2012 22:48

muore annegato tentando di salvare due giovaniBACOLI (NAPOLI) – Dopo un weekend nero sul fronte della sicurezza delle spiagge, anche questo lunedì non comincia bene. Ernesto Cuordifede, 35 anni, residente a Monterusciello Pozzuoli, in provincia di Napoli, è morto eroicamente nelle acque al largo della spiaggia Romana, situata tra il Fusaro e Cuma, mentre tentava di salvare due giovani in difficoltà.

La disgrazia è avvenuta su un tratto di spiaggia libera: secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri della stazione di Bacoli, due giovani ventenni residenti a Quarto si sono trovati in difficoltà una volta tuffatisi in acqua per il mare grosso. Annaspando tra le onde alte i due hanno chiesto aiuto. Cuordifede, che stava giocando a biliardo con alcuni amici nelle vicinanze, udite le urla non ha esitato a tuffarsi per aiutare i due. Ma una volta travolto dalle onde ha ingoiato molta acqua. Mentre i due giovani sono riusciti poco alla volta a riacquistare la riva, Cuordifede è morto annegato. Due suoi amici, a questo punto, si sono gettati in acqua, ma non hanno potuto fare altro che trarre il corpo esanime a riva.

Gli operatori del 118 ne hanno constatato la morte per arresto cardiaco ed annegamento decretandone il trasferimento al Secondo Policlinico dove sarà eseguita l’autopsia. Per i due giovani che hanno chiesto soccorso, l’avventura si è conclusa solo con un grande spavento, mentre uno dei due amici tuffatisi in soccorso di Cuordifede è stato trasferito al Pronto Soccorso dell’ospedale di Pozzuoli per un principio di annegamento. Fortunatamente è stato poi dimesso nel tardo pomeriggio.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other