Pozzuoli: festa, concerto e fuochi d’artificio per 2 camorristi scarcerati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Novembre 2019 15:00 | Ultimo aggiornamento: 2 Novembre 2019 15:00
Pozzuoli: festa, concerto e fuochi d'artificio per 2 camorristi scarcerati

Pozzuoli: festa, concerto e fuochi d’artificio per 2 camorristi scarcerati (Foto archivio Ansa)

NAPOLI – Festa con fuochi d’artificio e concerto di cantanti neo-melodici a Pozzuoli (Napoli), nel rione Monteruscello, per la scarcerazione di due affiliati ai clan Longobardi e Beneduce. Il ritorno a casa dei due pregiudicati – riferisce “Il Mattino” – è stato salutato dai familiari e dai loro amici con brindisi e con l’esibizione dei cantanti.

Esplosi anche i fuochi d’artificio, nonostante il divieto disposto con un’ordinanza del sindaco di Pozzuoli. I due pregiudicati, Giovanni Illiano e Silvio De Luca, hanno scontato una condanna a quasi 10 anni di carcere per estorsione e spaccio di droga.

Il primo saluto è arrivato attraverso uno spettacolo di fuochi d’artificio. Poi il via alla musica: ad esibirsi è stato il cantante neomelodico Anthony, che insieme alla sua band ha dato vita alla festa e tutti i partecipanti hanno inondato Facebook di foto e video. “Questa canzone è dedicata ai fratelli presenti e non presenti con l’augurio che possano ritornare al più presto in mezzo a noi. A tutti i carcerati che stavano in cella con lui e un applauso forte a Carlucciello ‘o fantasma”: il riferimento del neomelodico Anthony è Carlo Avallone, il “boss fantasma”, arrestato due anni fa in un blitz dei reparti speciali del Gis dei carabinieri e condannato a 16 anni per tentato omicidio, estorsione e detenzione di armi. (Fonte Ansa).