Don Seppia, un ragazzino: “Basta, mi suicido”

Pubblicato il 24 Maggio 2011 14:22 | Ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2011 14:22

SESTRI PONENTE – Alcune delle presunte vittime di don Riccardo Seppia avevano raggiunto il limite di sopportazione, tanto da meditare azioni drastiche. Secondo quanto scritto su Libero, un ragazzo di 15 anni, che aveva subito le “attenzioni” del parroco di Sestri Ponente accusato di pedofilia, avrebbe detto: “Se non la smette mi suicido”.

Il quindicenne avrebbe scritto questo messaggio via sms a un’ amica. L’sms, spiega Libero, è stato intercettato dai Carabinieri del Nas di Milano durante l’inchiesta sulle molestie, sulle presunte violenze sessuali sui minori e sulle cessioni di droga attribuiti al sacerdote.

Per Paolo Bonanni (difensore di don Seppia), riferisce Libero, si tratterebbe di “una frase che chiunque potrebbe pronunciare senza avere nessuna intenzione reale di suicidarsi”.

Intanto, puntualizza Libero, “per il parroco è in arrivo una nuova imputazione, induzione alla prostituzione minorile, mentre si alleggerisce l’accusa di violenza sessuale che sarà riformulata come tentata violenza”.