Processo Yara Gambirasio, pm: “Ascoltare amanti della moglie di Massimo Bossetti”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 luglio 2015 18:09 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2015 18:09
Marita Comi

Marita Comi

ROMA – I giudici della Corte d’assise di Bergamo, presieduti da Antonella Bertoja, hanno circoscritto il perimetro delle prove entro il quale accusa e difesa si potranno battere nel processo che vede imputato Massimo Giuseppe Bossetti per l’omicidio di Yara Gambirasio. Non si parlerà più di Mohamed Fikri perché la sua posizione “è irrilevante”.

Potranno invece essere eventualmente sentiti i due uomini indicati come amanti della moglie di Bossetti, Marita Comi, qualora dovesse rivelarsi utile. Il pm Letizia Ruggeri lo ritiene necessario per ricostruire l’ambiente familiare di Bossetti che la coppia descriveva come idilliaco e che, invece, qualche falla l’ha evidenziata. Per il pm, che ieri lo ha ribadito in aula, capire cosa accadesse davvero in casa Bossetti, dietro l’immagine della famiglia felice, è essenziale “per capire il movente”. “Una situazione familiare non certo idilliaca”:così, durante l’udienza di venerdì 17 luglio (l’ultima prima che il processo riprenda a settembre), il sostituto procuratore di Bergamo Letizia Ruggeri ha definito i rapporti tra Massimo Giuseppe Bossetti e la moglie Marita Comi.