Ultimatum a Berlusconi quasi scaduto: non si presenterà alla Procura di Napoli

Pubblicato il 18 Settembre 2011 14:46 | Ultimo aggiornamento: 18 Settembre 2011 15:11

ROMA – L’ultimatum dei magistrati a Silvio Berlusconi scadrà oggi alle 20: sono passati 4 giorni e la Procura di Napoli non ha intenzione di attendere ancora che il premier si presenti all’audizione in qualità di persona informata dei fatti per l’inchiesta sulla presunta estorsione subita ad opera di Valter Lavitola, Gianpaolo Tarantini e la moglie Angela Devenuto.

Berlusconi non si è presentato ed ha rifiutato anche la possibilità di una testimonianza assistita concessa dalla Procura, una soluzione che lo vedrebbe comunque come test, dunque obbligato a rispondere alle domande, ma accompagnata da un suo avvocato.

L’accompagnamento coattivo, cioè da parte dei carabinieri, non sarà comunque chiesto dalla Procura almeno fino a mercoledì, data in cui si aprirà l’udienza del Riesame a cui hanno ricorso Tarantini e Lavitola che dovrà decidere sulla competenza territoriale, decisione che comporterà effetti anche sull’interrogatorio a Berlusconi nel caso di trasferimento ad altra Procura.