Roma, in ospedale il film è un flop: ira della Polverini e di Buontempo

Pubblicato il 2 Gennaio 2012 9:22 | Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio 2012 9:22

Renata Polverini (Foto Lapresse)

ROMA – Una proiezione organizzata all’ospedale Grassi di Ostia con scarsissima partecipazione dei pazienti. Subito dopo un avvicendamento deciso all’ultimo ai vertici dello stesso nosocomio. Pare che la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, e soprattutto l’assessore alla Casa Teodoro Buontempo detto Er Pecora, non abbiano gradito la scarsa cura con cui l’ospedale di Ostia ha organizzato la proiezione del filmn Boris nell’ambito della rassegna ideata dalla Regione.

Il fatto è che mercoledì scorso in sala erano presenti appena cinque tra medici e infermieri. E nessun paziente. Niente a che vedere con eventi simili organizzati in altre strutture. Buontempo, presente alla proiezione, pare sia andato su tutte le furie. Sarà solo un caso ma un paio di giorni dopo il direttore sanitario del Grassi, Pola Masala, e quello amministrativo, Paola Savina, sono stati sostituiti dalla Regione con altro personale interno alla struttura. In Consiglio regionale la cosa non è sfuggita: “Troviamo paradossale che si proceda in un avvicendamento in ruoli così delicati per l’azienda dall’oggi al domani, senza fornire reali motivazioni”, ha detto il consigliere Pd Enzo Foschi. La dipietrista Giulia Rodano ha aggiunto: “L’ipotesi di una ritorsione della giunta Polverini per la scarsa partecipazione ad una proiezione organizzata dalla Regione è imbarazzante sia per i vertici dell’ente che per l’amministrazione regionale”.