Referendum sulla legge elettorale: a rischio la convalida delle firme

Pubblicato il 19 Ottobre 2011 17:12 | Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2011 17:18

ROMA, 18 OTT – A rischio la validazione delle firme per il referendum sulla legge elettorale: la Usb Pubblico impiego ha proclamato lo stato di agitazione e lo sciopero dello straordinario per tutto il mese di novembre del personale della Cassazione. Motivo, le ''difficili condizioni di lavoro'' e il ''mancato stanziamento di risorse'' per retribuire gli straordinari che servono proprio per i controlli delle firme a sostegno dei referendum.

E' gia' accaduto per i referendum su acqua,privatizzazioni e nucleare, visto che il personale della Suprema Corte, fa sapere il sindacato, e' ancora in attesa di incassare il corrispettivo per l'attivita' svolta l'anno scorso.

In una nota l'Usb, nell'annunciare un'assemblea-sit in davanti alla Cassazione per giovedi' prossimo, sottolinea ''il forte disagio'' dei dipendenti della Corte e la loro ''opposizione al depotenziamento della Pubblica Amministrazione, con tagli alle risorse, al personale, agli stipendi ed ai servizi, come esplicitamente indicato nella lettera congiunta Draghi-Trichet''.

''Mai come in questo momento la lotta dei dipendenti pubblici coincide e si sovrappone con la difesa delle garanzie costituzionali e dei diritti di tutti i cittadini'', evidenzia il sindacato, visto che ''il mancato stanziamento di risorse va ad abbattersi sulla consultazione referendaria''.