Celiaco morto in Puglia, legale del ristorante: “Il conto va pagato”

Pubblicato il 18 agosto 2010 19:01 | Ultimo aggiornamento: 18 agosto 2010 19:11

“Il conto del ristorante, prima o poi, qualcuno dovrà pagarlo. Certo, il sollecito fatto telefonicamente dalla dipendente del locale è stato frutto di un equivoco e di mancanza di delicatezza. Ma la donna era appena tornata dalle ferie e non sapeva di contattare lo zio della vittima perchè i cognomi sono diversi”. Lo spiega l’avvocato Leonardo Maruzzi, difensore del titolare del ristorante di San Giovanni Rotondo (Foggia) in cui, nei giorni scorsi, è morto Davide, il sedicenne celiaco e poliallergico deceduto dopo avere mangiato un gelato.

Martedì secondo quanto ha denunciato da Bologna il papà di Davide, Luigi Perta, dal locale è stato chiesto di saldare il conto per il pranzo, poco meno di 2.000 euro. ”La richiesta di pagare il conto – spiega l’avv.Maruzzi – è stata fatta telefonicamente allo zio della vittima, che aveva organizzato la festa, e non ai genitori di Davide”.

”Le due famiglie – aggiunge il legale – hanno cognomi differenti, quindi la dipendente, che era appena tornata dalle ferie, non si è accorta chi stava chiamando. Quando si è accorta che a casa del suo interlocutore c’era la mamma della vittima, ha raccontato i fatti al ristoratore che è rimasto molto dispiaciuto”.

”La verità su quanto accaduto – sottolinea il difensore – sarà accertata dalle indagini in corso. Ma il conto, prima o poi, dovrà essere pagato. Perta era un invitato, non ha organizzato lui la festa, l’ha organizzata il cognato. Il conto, infatti, non è stato chiesto al padre ma allo zio della vittima”.