Pullman Monteforte Irpino: documenti revisione furono falsificati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Maggio 2014 15:32 | Ultimo aggiornamento: 3 Maggio 2014 16:18
Pullman Monteforte Irpino: documenti revisione furono falsificati

Pullman Monteforte Irpino: documenti revisione furono falsificati (foto Lapresse)

NAPOLI – Il pullman che finì in una scarpata in Irpinia non poteva camminare: i documenti della revisione furono falsificati. Un articolo pubblicato sul Mattino offre una nuova versione all’incidente mortale avvenuto quasi un anno fa in Campania.

Secondo l’articolo del Mattino, due dipendenti della motorizzazione civile di Napoli avrebbero falsificato i documenti attestanti la revisione del bus precipitato dal viadotto Acqualonga dell’autostrada A16 il 28 luglio del 2013, provocando la morte di 40 persone.

Secondo gli attestati citati dal quotidiano campano, infatti, la revisione era stata effettuata regolarmente il 26 marzo del 2013, cioè circa quattro mesi prima della tragedia. Invece, secondo la Procura di Avellino, che sull’accaduto stanno indagando, le carte sono state falsificate (sarebbero state compilate dopo quella data) e la revisione mai eseguita.

A modificare i documenti di revisione sarebbero stati un uomo e una donna, adesso indagati per falso in atto pubblico: si tratta – riporta il quotidiano napoletano – del funzionario tecnico della Motorizzazione Civile di Napoli Vittorio Saulino, di 56 anni, di San Giorgio a Cremano (Napoli), e dell’assistente amministrativa Antonietta Ceriola, 63 anni di Giffoni Sei Casali (Salerno).

E’ stata una perizia grafologica, disposta dal pm della Procura di Avellino Adriano Del Bene, a far scoprire, di fatto, che non è sarebbe mai avvenuta la revisione.

I due funzionari, secondo l’accusa, si sono introdotti nel sistema informatico della Motorizzazione facendo risultare superati i controlli per ottenere l’autorizzazione a circolare per il bus della “Mondo Travel” della ditta di Gennaro Lametta, fratello dell’autista del bus.

I documenti presentati alla Polstrada dopo la tragedia riportano la data del 26 marzo 2013 ma la perizia affidata alla grafologa Silvana Iuliano avrebbe accertato che la firma del titolare dell’agenzia, Gennaro Lametta, sarebbe stata apposta soltanto dopo quella data e che nella documentazione mancavano la richiesta di sottoporre l’automezzo a revisione e il pagamento della previsto versamento.

Secondo quanto emerse dall’esame probatorio il mezzo affrontò senza freni un lungo tratto in discesa dell’A16 e all’altezza di Monteforte Irpino e dopo avere infranto le barriere di protezione precipitò nella scarpata. I due dipendenti della Motorizzazione civile di Napoli si vanno ad aggiungere agli altri indagati: il titolare della ditta proprietaria del bus e cinque dirigenti della Società Autostrade, tutti accusati di omicidio colposo plurimo e disastro colposo.