Quartu Sant’Elena, Angelo Dessì incapace di intendere e volere. Un anno fa l’omicidio della madre

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 gennaio 2018 17:50 | Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2018 17:50
Quartu-Angelo-Dessì

Quartu Sant’Elena, Angelo Dessì incapace di intendere e volere. Un anno fa l’omicidio della madre

CAGLIARI – Non era capace di intendere e di volere Angelo Dessì, l’uomo di 56 anni accusato di aver ucciso a coltellate l’anziana madre nel luglio dello scorso anno a Quartu Sant’Elena (Cagliari). Lo ha stabilito oggi una perizia dello specialista Giampaolo Pintor che ha portato anche il Giudice per l’udienza preliminare del Tribunale, Gabriella Muscas, alla decisione di assoluzione dell’uomo (già da tempo in cura per disturbi psichiatrici), disponendo per lui un ricovero in un centro specializzato, una residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza.

L’anziana, Paola Schifino, 86 anni, era stata uccisa il 30 luglio 2017 nella cucina della sua abitazione con una trentina di coltellate. All’arrivo della polizia, il figlio era stato trovato in camera da letto e dava evidenti segnali di squilibrio. L’uomo era già da tempo in cura. Lette le conclusioni della perizia decisa dal Giudice, anche il pm Alessandro Pili ha chiesto l’assoluzione per incapacità di intendere e di volere.

Ecco come, lo scorso 31 luglio, l’Unione Sarda descriveva la scena che si trovarono davanti i poliziotti arrivati nell’appartamento della donna:

I poliziotti delle volanti hanno calmato e immobilizzato l’uomo mentre i soccorritori non hanno potuto far nulla per salvare l’anziana: era in cucina, in un lago di sangue. Attorno santini, immagini religiose e due ceri accesi dal figlio dopo l’omicidio.