Quinto Vercellese, assalto al caveau poi la fuga: banditi col kalashnikov sparano ai carabinieri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Gennaio 2015 10:07 | Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 2015 13:22
Quinto Vercellese, assalto al caveau poi la fuga: banditi col kalashnikov sparano ai carabinieri

Quinto Vercellese, assalto al caveau poi la fuga: banditi col kalashnikov sparano ai carabinieri

TORINO – Con una ruspa hanno provato a demolire il caveau di un istituto di vigilanza poi, all’arrivo dei carabinieri, hanno aperto il fuoco con i kalashnikov – 50 i colpi sparati – per poi scappare. Tutto è successo nella notte tra lunedì e martedì 27 gennaio a Quinto Vercellese, in provincia di Vercelli. Per coprirsi la fuga i malviventi hanno dato fuoco ad alcune auto. Sono ancora diverse le strade ancora inagibili. I carabinieri di Vercelli stanno dando la caccia alla banda. A dare l’allarme è stato un vigilante dell’istituto Fidelitas, lo stesso in cui è avvenuto l’assalto. I rapinatori sono arrivati con un camion dal quale hanno scaricato la ruspa con cui volevano demolire il muro di cinta e raggiungere il caveau, dove è custodita una ingente somma di denaro. Il colpo è stato tentato verso le 3 di notte. Nessuno è rimasto ferito.

Sono almeno cinque le auto incendiate dai banditi. Si tratta di auto parcheggiate apposta dai malviventi per evitare di essere seguiti. Con questo stratagemma la banda ha bloccato tutte le strade di accesso al paese: quelle per Villata, Collobiana, Olcenengo e Biandrate. Non si escludono collegamenti con un colpo avvenuto a Lodi lo scorso 28 novembre quando una decina di malviventi ha cosparso l’asfalto di chiodi e bloccato la circolazione con auto e furgoni messi in mezzo alla strada e dati alle fiamme, per fermare un furgone portavalori che deve passare poco dopo e per garantirsi poi la fuga.

(foto Ansa).