Ragazza muore dopo un’anestesia, aperta inchiesta a Civitavecchia

Pubblicato il 6 Aprile 2011 18:14 | Ultimo aggiornamento: 6 Aprile 2011 18:33

ROMA – Una ragazza di 22 anni è morta mentre veniva trasportata d’urgenza dalla casa di cura Sigillato di Civitavecchia nel reparto di rianimazione e terapia intensiva dell’ospedale cittadino. Era stata colta da malore poco prima, mentre le veniva somministrata l’anestesia perchè avrebbe dovuto essere sottoposta a un intervento chirurgico di routine. La procura della Repubblica ha aperto un’inchiesta.

Il trasferimento della ragazza, residente ad Orvieto (Terni), all’ospedale San Paolo era stato disposto dai medici che l’avevano in cura in quanto la casa di cura non è dotata di rianimazione e terapia intensiva. Il sostituto procuratore della Repubblica Alessandro Gentile ha disposto li sequestro della cartella clinica e l’esecuzione dell’autopsia. I familiari della ragazza, disperati, sarebbero intenzionati a presentare un esposto. Per il momento i vertici della casa di cura non hanno rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale sull’accaduto.