Rai, sospette irregolarità nei turni di notte al Tg1: la Procura indaga

Pubblicato il 11 Marzo 2013 20:30 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2013 20:31

ROMA – La procura di Roma ha aperto un’inchiesta sul caso dei presunti pagamenti fatti dalla Rai ad alcuni giornalisti del Tg1 per turni notturni, giornate festive e straordinari mai svolti. Il caso è stato oggetto di una denuncia anonima. Il fascicolo è intestato ‘atti relativi a’, dunque è privo di ipotesi di reato e di indagati. Gli accertamenti sono partiti da una denuncia anonima indirizzata sia ai vertici della Rai sia a varie autorità tra cui la Procura di Roma. Sulla vicenda è in corso anche un’indagine interna di viale Mazzini. Secondo l’anonimo le irregolarità si sarebbero verificate in gran parte quando a dirigere il Tg1 era Alberto Maccari e, in parte minore, durante la gestione di Augusto Minzolini. Secondo quanto si è appreso in procura il reato che potrebbe configurarsi, in caso di riscontri alle accuse dell’anonimo, è quello di truffa.

Il comitato di redazione del Tg1 non è stato contattato dall’azienda nell’ambito dell’audit interno avviato da Viale Mazzini sulla vicenda dei presunti stipendi gonfiati al Tg1. La rappresentanza sindacale ricorda però di aver sempre fatto propria ”la linea della trasparenza, della correttezza e del rigore nel rispetto delle regole, ma anche della salvaguardia di tutti i colleghi che tutti i giorni lavorano svolgendo i propri turni, come è normale che sia, ma a volte anche al di là del dovuto per realizzare un buon telegiornale, che infatti è in fase di ripresa”.