Ravello, Patrizia Attruia strangolata. Vincenza Dipino resta in carcere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Marzo 2015 11:01 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2015 11:01
Ravello, Patrizia Attruia strangolata. Vincenza Dipino resta in carcere

Ravello, Patrizia Attruia strangolata. Vincenza Dipino resta in carcere

RAVELLO (SALERNO) – Resta in carcere Vincenza Dipino, la donna di 55 anni di Ravello (Salerno) accusata dell‘omicidio di Patrizia Attruia, 48 anni, il cui cadavere è stato trovato in un cassapanca nella casa della Dipino.

Il giudice per le indagini preliminari ha accolto la richiesta del pubblico ministero sia per la gravità dei fatti sia per il pericolo della reiterazione del reato.

Al momento quel che è certo è che Patrizia Attruia è morta per soffocamento. Come ha spiegato all’agenzia Ansa il medico legale Giovanni Zotti,

“Ora sarà necessario capire se si è difesa, cosa che penso, e quanto tempo ci sia voluto prima che spirasse. solo l’esame autoptico potrà chiarire tutti i dettagli di questa triste vicenda. Potremo così scoprire se vi sono tracce di dna sotto le unghie della vittima, sapere se la stessa ha tentato di difendersi e quando tempo sia trascorso prima che morisse. Non è detto che il soffocamento possa portare ad una morte immediata. Da un primo esame esterno abbiamo appurato che è morta per soffocamento ma ci sono altri segni che vanno analizzati e comparati anche a fronte delle rivelazioni che farà la persona arrestata nel corso degli interrogatori”.