Ravenna, offese su Facebook dopo la morte dei due poliziotti: 8 denunciati

di Redazione blitz
Pubblicato il 23 marzo 2018 11:49 | Ultimo aggiornamento: 23 marzo 2018 11:49
ravenna morti poliziotti offese

Ravenna, offese su Facebook dopo la morte dei due poliziotti: 8 denunciati

ROMA – “Odio gli sbirri”, “Godo quando muore un poliziotto”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Sono solo alcuni dei commenti apparsi sui social il giorno successivo al drammatico incidente a Lido Adriano in cui persero la vita due agenti della questura di Ravenna.

A distanza di sei mesi la questura di Ravenna, cui appartenevano i defunti, annuncia di aver identificato e denunciato otto persone. L’accusa: vilipendio alla Polizia di Stato.

Era il 16 settembre scorso quando a Lido Adriano Nicoletta Missiroli e Pietro Pezzi persero la vita in un indicente mortale. Su Facebook apparvero commenti di ogni tipo, anche offensivi.

Il Sap, Sindacato autonomo di polizia, li segnalò e così si è arrivati alle denunce. Sono tutti uomini e tutti tra i 20 e i 30 anni, scrive il Resto Carlino, e residenti a Ravenna, Milano, Bari, Brescia e Pordenone. Solo uno di loro ha 55 anni. Quasi tutti, spiega il quotidiano, avrebbero ammesso le proprie responsabilità.

L’identificazione degli autori dei commenti è stata fatta, dopo l’apertura di un fascicolo contro ignoti da parte della procura, comparando le fotografie dei profili Facebook.

“Con assoluto disprezzo e insensibilità – ha scritto la Questura nella nota – non solo avevano offeso l’istituzione Polizia di Stato, ma anche le famiglie dei due colleghi scomparsi e tutti coloro che in quelle ore si erano stretti attorno a esse”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other