Recanati. Autobomba alla Clementoni: ricercato ex dipendente

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Giugno 2013 12:29 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2013 12:30
Recanati. Autobomba alla Clementoni: ricercato ex dipendente

Recanati. Autobomba alla Clementoni: ricercato ex dipendente

RECANATI – Un ex dipendente della Clementoni ha tentato di incendiare l’azienda con un‘autobomba a Recanati, in provincia di Macerata. L’uomo, un romeno di 44 anni, ha posteggiato l’auto imbottita di bombole gpl e liquido infiammabile nel cortile dell’azienda in contrada Fontenoce la mattina del 28 giugno. Poi ha rubato un’auto in una scuola vicina, minacciando e aggredendo una maestra, ed è fuggito. Ora è scattata la caccia all’uomo tra le province di Macerata e Ancona.

Secondo le prime ricostruzioni, nella vettura dell’uomo alcuni dipendenti della Clementoni avrebbero notato un telefonino connesso a dei fili, circostanza che ha fatto subito pensare ad una sorta di ordigno artigianale che sarebbe dovuto esplodere, proprio nei giorni in cui la Clementoni festeggia i 100 anni di attività.

Il principio di incendio è stato subito spento con degli estintori da alcuni dipendenti della fabbrica, ma sul posto sono ancora al lavoro gli artificieri della Polizia di Stato e i carabinieri: si vuole escludere che nella Matiz ci siano altri possibili inneschi. Il romeno è in fuga a bordo di una Fiat Punto rubata ad una maestra della scuola di infanzia che sorge a meno di cento metri dallo stabilimento.

La maestra Alessandra Amichetti era appena arrivata davanti alla scuola quando all’improvviso si è trovata di fronte l’aggressore, che per impossessarsi dell’utilitaria l’ha minacciata con un coltello e le ha gettato dello spray urticante sugli occhi e in bocca. La maestra è stata portata in ospedale in stato di shock.