Reggia di Caserta chiusa per 3 ore domenica tra assemblee sindacati e caos

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Giugno 2015 14:50 | Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2015 14:50
Reggia di Caserta chiusa per 3 ore domenica tra assemblee sindacati e caos

Reggia di Caserta (Foto LaPresse)

CASERTA – I cancelli della Reggia di Caserta domenica 7 giugno sono rimasti chiusi per 3 ore a causa dell’assemblea dei sindacati Uil e Ugl contro gli ambulanti. Dopo le denunce di degrado del 3 maggio il ministro Dario Franceschini aveva disposto il pagamento dei biglietti d’ingresso ai giardini per evitare l’invasione degli ambulanti. Un biglietto che però ha causato code interminabili, caos nel gestire l’ingresso, problemi tra visitatori e ambulanti e anche malori, per chi per 3 ore ha atteso sotto il sole e al caldo di poter entrare.

Lunghe file sotto il sole tra fischi e proteste per migliaia di turisti davanti alla Reggia di Caserta, rimasta chiusa per tre ore dalle 8.30 alle 11.30 per l’assemblea sindacale convocata dalla Uil-Pa e dall’Ugl allo scopo di richiamare l’attenzione sul fenomeno dei venditori abusivi. Eppure i venditori non autorizzati, italiani e stranieri di guide, souvenir e ombrelli erano tutti davanti al monumento patrimonio dell’Unesco senza che vi fosse un solo agente delle forze dell’ordine a controllarli. Molti turisti hanno trovato riparo sotto gli alberi dell’emiciclo, qualcun altro è andato in giro per la città, ma molti se ne sono andati indignati, come Luciano di Arezzo, arrivato con un gruppo di persone.

“Avevamo comprato già il biglietto, ma ce ne andiamo perché siamo stanchi di attendere, è uno scandalo, non siamo stati avvisati di nulla”. Rita di Napoli è arrabbiatissima: “Dovevo fare da guida ad un gruppo di 15 persone ma loro alle 10.30 se ne dono andate per altri impegni”. Antonio di Avellino dice che “oggi qui alla Reggia doveva esserci il ministro per vedere questa situazione. E pensare che i parcheggiatori abusivi vicino alla Reggia mi hanno anche chiesto 10 euro per lasciare l’auto”.