Reggio Emilia, 27enne in cura per problemi psichiatrici uccide lo zio a coltellate

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Novembre 2019 9:43 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2019 10:57
Ambulanza, Ansa

Un’ambulanza (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Un ragazzo di 27 anni, in cura per problemi psichiatrici, ha ucciso a coltellate lo zio di 57 anni che viveva in casa con lui e con il padre del giovane, disabile. La tragedia è avvenuta intorno alle 5.30 nell’appartamento, in viale Primo maggio di Reggio Emilia. Il ragazzo si sarebbe alzato e sarebbe andato in camera dello zio pugnalandolo mortalmente cinque volte. Fermato, il 27enne è al pronto soccorso per accertamenti. Sul caso procede la Polizia.

Il nucleo familiare era composto dal 27enne con problemi psichiatrici, dal padre disabile e dallo zio poi vittima dell’omicidio. Il ragazzo, secondo una prima ricostruzione degli investigatori, dormiva in camera con il padre. Verso le 5 di questa mattina il 27enne si è svegliato, ha preso un coltello da cucina e si è diretto nella stanza da letto dello zio colpendolo a morte con cinque fendenti. E’ stato il padre ad avvisare la polizia. Gli agenti sono entrati nell’appartamento e hanno trovato il 27enne in sala dopo che lo stesso aveva detto al genitore di aver fatto una cosa brutta. Sul posto oltre al personale delle volanti, anche agenti della squadra mobile, della scientifica ed in pm di turno.

Fonte: Ansa, Agi.