San Prospero Strinati (Reggio Emilia), Antonella D’Ambrosio muore improvvisamente a 46 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 gennaio 2018 12:06 | Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2018 12:06
antonella-dambrosio

Antonella D’Ambrosio

REGGIO EMILIA – Antonella D’Ambrosio, 46 anni, è morta improvvisamente. Ancora non si sa cosa l’abbia uccisa. Antonella lascia il marito e due figli di 11 e 8 anni.

Antonella, che abitava San Prospero Strinati, una frazione del comune di Reggio Emilia, era molto conosciuta perché da 7 anni lavorava come cuoca al bar Simonazzi, nella sede dove si trova anche la Cisl. “Un’amica, oltre che una collega – la ricordano con affetto le colleghe Monica, Lorena e Rossella – Abbiamo lavorato insieme 7 anni, condividendo sempre i momenti positivi e quelli meno. Era arrivata appena avevamo iniziato questa attività, rilanciando il locale, e da allora ha sempre messo a disposizione la sua competenza ma soprattutto la sua persona, ed è proprio questo che ora ci manca moltissimo”. Oltre alle colleghe di lavoro, la ricordano gli amici della Cisl a ricordarla.  “Una presenza discreta – dice Margherita Salvioli Mariani, segretaria generale aggiunta della Cisl Emilia Centrale, al Resto del Carlino -, era una ragazza dolce e sempre sorridente. Grazie alla sua professionalità il pranzo è sempre stato un momento piacevole”.

Eseguiti i rilievi autoptici, il funerale si svolgerà venerdì 19 gennaio con partenza alle 14 dalle camere ardenti del Santa Maria e celebrazione alle 14.30 nella chiesa di San Prospero. Le visite in camera mortuaria saranno possibili il venerdì dalle 10.30 alle 14. Oltre ai due figli, Antonella lascia anche il marito Orlando. “Ci stringiamo – continuano le ragazze del bar e gli amici della Cisl – alla famiglia, condividendo con loro questo terribile dolore”.