Reggio Emilia. Non versa i contributi: ingiunzione a Matteo Riva dalla Idv

Pubblicato il 13 Aprile 2012 12:18 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2012 12:21

REGGIO EMILIA – L'Idv ha inviato un'ingiunzione di pagamento al consigliere regionale dell'Emilia Romagna Matteo Riva che ha lasciato l'Italia dei Valori, restando pero' in consiglio regionale. L'ingiunzione gli ordina di pagare 130mila euro all'Idv per non aver rispettato un patto sottoscritto prima delle elezioni regionali del 2010. La richiesta e' stata respinta dal consigliere, che ha presentato opposizione in tribunale.

L'ingiunzione, riporta Il Resto del Carlino nell'edizione reggiana di oggi, e' stata depositata in gennaio al Tribunale civile di Reggio Emilia. I candidati dell'Idv avrebbero sottoscritto una ''promessa di pagamento'' prima delle elezioni impegnandosi a versare, per l'intero mandato, 3.500 euro al mese all'Italia dei Valori.

Si poteva pero' ottenere uno sconto (da 3.500 a 1.500 euro) iscrivendosi al partito e facendo parte del gruppo consiliare. In caso di impegni non rispettati, era prevista una penale di 100mila euro. Matteo Riva contesta la richiesta, affermando che non si tratterebbe di un contratto ''sottoposto'', ma ''imposto'' come condizione per essere candidato.

L'ex consigliere Idv nella sua opposizione sostiene di aver iniziato a pagare in contanti la somma prevista mensilmente di 1.500 euro (fino a 17.500 euro) e allega i bollettini di prelievo.