Reggio Emilia: picchia la moglie, il figlio chiama il 112 e lo fa arrestare

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Ottobre 2019 11:16 | Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2019 11:16
Carabinieri, Ansa

Una volante dei carabinieri in una foto d’archivio Ansa

ROMA – Picchia la moglie e il figlio, sfinito da anni di vessazioni fisiche e morali nei confronti della madre, decide di chiamare il 112 e di chiedere aiuto.

L’episodio, avvenuto nella Bassa Reggiana, risale allo scorso agosto.

Avviate le indagini, i militari di Novellara hanno fatto luce su una realtà che stava andando avanti da anni. Dal 2013 – secondo quanto emerso dalle prime indagini – l’uomo ha sottoposto la moglie a continue vessazioni fisiche e morali. L’ultimo episodio di fine agosto ha visto il marito aggredire la moglie arrivando a costringerla a subire anche atti sessuali completi davanti ai figli minori.

Ma le violenze, secondo le prime ricostruzioni e indagini delle forze del’ordine, hanno coinvolto anche il figlio 12enne costretto ad assistere alle botte subite dalla madre e sottoposto lui stesso a violenze che l’hanno visto essere anche minacciato con un’ascia. Vessazioni che la madre – casalinga 35enne – non ha mai denunciato. Paura vinta invece dal figlio che ha trovato il coraggio di chiamare i Carabinieri. Carabinieri che hanno eseguito l’arresto dell’uomo, condotto in carcere, dopo avere ottenuto un provvedimento restrittivo di natura cautelare da parte del Gip del Tribunale di Reggio Emilia.

Fonte: Ansa, Il Messaggero,