Reggio Emilia, 13enne travolto e ucciso in bici da una guardia giurata: “Non l’ho visto proprio”

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Settembre 2018 10:59 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2018 11:00
Reggio Emilia, 13enne travolto e ucciso in bici da una guardia giurata: "Non l'ho visto proprio"

Reggio Emilia, 13enne travolto e ucciso in bici da una guardia giurata: “Non l’ho visto proprio”

REGGIO EMILIA – Stava tornando a casa in sella alla sua bici, quando un’auto l’ha travolto in pieno. E’ morto così Gabriele Tiricola, 13 anni appena, a Carviago, in provincia di Reggio Emilia. Alla guida della vettura, una Fiat Panda del servizio di vigilanza Coopservice, c’era una guardia giurata di 31 anni. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

La tragedia si è consumata domenica pomeriggio, intorno alle 15, all’incrocio fra via Cantonazzo e via Prati Vecchi. L’impatto è stato violentissimo: il ragazzino è sbalzato sul parabrezza dell’auto e poi è volato rovinosamente sull’asfalto.  Sul posto sono immediatamente accorse un’ambulanza e un’auto medica, ma per il giovane Gabriele non c’è stato nulla da fare: troppo gravi le ferite riportate.

La guardia giurata, ancora sotto choc, ha riferito di non essersi accorto che il ragazzino stesse provando ad attraversare la strada. La procura ha aperto un fascicolo sulla vicenda e l’auto è stata sequestrata per chiarire l’accaduto.