Reggio Emilia, riapre la prima chiesa del terremoto: Sant'Antonio Abate torna agibile

Pubblicato il 1 Luglio 2012 15:29 | Ultimo aggiornamento: 1 Luglio 2012 15:29

REGGIO EMILIA, 1 LUG – Ha riaperto oggi, a Codisotto di Luzzara, in provincia di Reggio Emilia, la chiesa di Sant'Antonio Abate danneggiata dal sisma delle scorse settimane. Questa mattina, grazie al lavoro dei vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza il campanile lesionato dalle scosse, il vescovo ausiliare di Reggio e Guastalla, monsignor Lorenzo Ghizzoni, insieme al parroco, don Edoardo Ruina, sono tornati a celebrare la messa.

Quella di Codisotto e' la prima chiesa a riaprire a 40 giorni dalla prima violenta scossa di terremoto. Con una lettera, il parroco ha ringraziato i vigili del fuoco: ''avete compiuto un lavoro difficile e faticoso – si legge – in condizioni disagiate a causa del caldo e dei tanti pericoli. La popolazione ha ammirato la vostra dedizione, il vostro coraggio, la vostra competenza e ha apprezzato la vostra profonda umanita'''. ''Quello di stamattina e' un bellissimo segnale di speranza perche' si è riusciti a riaprire una chiesa che non e' solo simbolo di culto, ma anche della vita di una comunita''', commenta la presidente della Provincia di Reggio Emilia, Sonia Masini.