Reggio Emilia, il giudice dice sì al ricongiungimento di una coppia gay

Pubblicato il 16 Febbraio 2012 12:43 | Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio 2012 12:43

REGGIO EMILIA – Il matrimonio tra due persone dello stesso sesso in Italia non esiste. Ma una sentenza ha autorizzato il ricongiungimento familiare per una coppia gay. E’ successo a Reggio Emilia, dove il giudice Emilia Tanasi ha autorizzato il ricongiungimento tra un italiano e un uruguayano, coppia regolarmente sposata in Spagna dove le nozze omosessuali sono autorizzate dalla legge.

Il giudice ha accolto il ricorso presentato al Tribunale dall’uruguayano a cui inizialmente era stato negato il permesso di soggiorno dalla Questura. Nel ricorso si fa riferimento a una sentenza della Cassazione: “La nozione di ‘coniuge’ prevista dall’art. 2 d.lgs. n. 30/2007 deve essere determinata alla luce dell’ordinamento straniero in cui il vincolo matrimoniale è stato contratto; lo straniero che abbia contratto in Spagna un matrimonio con un cittadino dell’Unione dello stesso sesso deve essere qualificato quale ‘familiare’, ai fini del diritto al soggiorno in Italia”.

“Questa sentenza – sostiene l’associazione radicale Certi Diritti – rappresenta un grande passo avanti per l’affermazione della non discriminazione delle coppie dello stesso sesso, ora il Governo dovrà riconoscere queste unioni tra i cittadini italiani, come richiesto dalla Corte Costituzionale con la sentenza 138/2010″.