Rettifica: Caterina Morelli non rinunciò alla chemioterapia per far nascere il figlio, ma sostenne tutte le cure necessarie

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 aprile 2019 12:11 | Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2019 12:11
Rettifica: Caterina Morelli non rinunciò alla chemioterapia per far nascere il figlio, ma sostenne tutte le cure necessarie

Rettifica: Caterina Morelli non rinunciò alla chemioterapia per far nascere il figlio, ma sostenne tutte le cure necessarie

ROMA – In merito all’articolo pubblicato su BlitzQuotidiano in data 13 febbraio 2019 dal titolo “Caterina Morelli è morta. Rinunciò alla chemioterapia per far nascere il figlio”, si precisa che la dottoressa Caterina Morelli, morta a Firenze l’8 febbraio 2019 a causa di un cancro al seno, aveva sostenuto tutte le cure necessarie per sconfiggere la malattia anche durante il periodo della gravidanza, avendo anche le competenze mediche per effettuare una corretta valutazione.

Le cure avevano portato alla remissione totale della malattia. La dottoressa Morelli, quindi, non solo si era sottoposta sin da subito a cure chemioterapiche, ma le cure prescelte avevano portato alla guarigione nel 2013. Ci scusiamo con la famiglia della defunta per l’involontaria imprecisione del precedente articolo.