Riace, Viminale non sblocca i fondi per la accoglienza dei migranti

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Agosto 2018 7:12 | Ultimo aggiornamento: 31 Agosto 2018 23:52
Riace, Viminale non sblocca i fondi per la accoglienza dei migranti

Riace, Viminale non sblocca i fondi per la accoglienza dei migranti (Foto Ansa)

RIACE (REGGIO CALABRIA)  – Non si sblocca la vicenda dei fondi destinati al Comune di Riace per proseguire nel progetto di accoglienza dei migranti che va avanti da 20 anni. Il sindaco Domenico “Mimmo” Lucano, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] nei giorni scorsi aveva manifestato un certo ottimismo, parlando di notizie informali che davano per probabile lo sblocco dei fondi da parte del Viminale. Ma venerdì dal ministero è arrivata una doccia gelata.

“Il Viminale non ha sbloccato i fondi a favore del Comune di Riace” ha fatto sapere il ministero, spiegando che il Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione “sta valutando le controdeduzioni trasmesse dal sindaco”.

Una nota dura nei confronti del Comune, nella quale viene rilevato che si tratta di “un passaggio necessario dopo l’accertamento di molte, gravi e diffuse criticità per spese che non risulterebbero ammissibili. Si tratta di anomalie che hanno contribuito ad aggravare le difficoltà finanziarie”.

Nonostante questo, Lucano si è detto comunque fiducioso. “Io – ha spiegato – ho solo detto che la Prefettura di Reggio Calabria ha sbloccato i fondi degli ultimi tre mesi del 2016 e anche se siamo in attesa di capire se questo progetto potrà andare avanti io continuo ad essere fiducioso perché quello che fino ad ora è stato fatto a Riace è straordinario”.

Il sindaco è divenuto famoso nel mondo per la sua attività di accoglienza ed integrazione che ha portato a ripopolare il suo piccolo paese dove sono sorti negozi multietnici e dove rifugiati provenienti dalle più svariate parti del mondo convivono fianco a fianco tra loro e con gli abitanti. Un’attività che, nel 2016, ha portato la rivista Fortune ad inserire Lucano tra i “50 grandi del mondo”.