Riccione, sindaco Renata Tosi: “Spiagge aperte da metà giugno, ma a numero chiuso”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Aprile 2020 14:37 | Ultimo aggiornamento: 20 Aprile 2020 14:37
Riccione spiagge aperte a numero chiuso: le proposte del sindaco Tosi

Coronavirus e spiaggia, gli agenti a Rimini eseguono controlli (Foto archivio ANSA)

ROMA – Spiagge riaperte dalla seconda metà di giugno a Riccione, ma a numero chiuso. Questa la proposta del sindaco di Riccione, Renata Tosi, per risolvere il grave dilemma dei balneari nella fase 2 dell’emergenza coronavirus.

La Tosi intervistata da Quotidiano Nazionale parla delle ipotesi per riaprire le spiagge nell’estate 2020: “Per la seconda metà di giugno ritengo che ci possano essere i primi tentativi di riapertura delle spiagge ai turisti. E’ come se ricominciassimo da zero. Sarà una spiaggia con meno ombrelloni, con meno aperitivi, meno aggregazioni”.

Tra le ipotesi al vaglio per le spiagge riaperte a Riccione, dice il sindaco, anche quella del numero chiuso di bagnanti sull’arenile: “Pensiamo di contingentare gli ingressi in spiaggia, magari con tanto di prenotazione. Sarà una vacanza diversa, più attenta e responsabile, ma sarà sempre una vacanza”.

Le soluzioni allo studio degli esperti per garantire l’accesso alle spiagge sono diverse, dalla proposta di cabine in plexiglass al distanziamento maggiorato degli ombrelloni. Ma gestire l’accesso alla spiaggia e limitare i contatti è una questione complicata.

E se ci sono diversi albergatori che pensano di non aprire quest’estate, Tosi dice di non condividere “certe visioni pessimistiche. Noi romagnoli siamo gente combattiva che accetta le sfide. E devo dire che noto segnali positivi sia da parte dei grandi investitori, sia per quanto riguarda la richiesta di appartamenti estivi”. (Fonte: ANSA)