Riciclaggio: Enav querela Report ed un ex dirigente dell’azienda

Pubblicato il 23 Novembre 2010 0:12 | Ultimo aggiornamento: 23 Novembre 2010 0:12

Enav querela la trasmissione televisiva ‘Report’ per l’edizione andata in onda domenica e un proprio ex dirigente aziendale, ”ritenendo totalmente infondate le ricostruzioni effettuate” sulla base delle sue dichiarazioni. Lo rende noto l’ente nazionale di assistenza al volo in un comunicato in cui spiega che ”tra i vari temi trattati, che saranno tutti oggetto di azione giudiziaria” sono ”totalmente falsi e gravemente calunniosi e diffamatori dell’immagine dell’azienda e del suo amministratore delegato i contenuti sulla presunta stima di 80 milioni per l’acquisizione nel dicembre 2006 di Vitrociset Sistemi Srl, oggi Techno Sky Srl”.

Infatti, ”la valutazione del prezzo – prosegue l’Enav – è stata effettuata da tre advisor di livello internazionale che hanno ritenuto congruo il corrispettivo di 108 milioni. Tali informazioni erano state peraltro fornite per iscritto e documentate a Report che, invece, ha inteso non darne evidenza. L’operazione di acquisizione ha superato positivamente il vaglio di tutte le numerose autorita’, istituzioni e magistrature che l’hanno autorizzata o approfonditamente esaminata”. Per quanto riguarda, ”le accuse di falso in bilancio, avanzate a suo tempo in una denuncia dell’ex dirigente aziendale licenziato in tronco” e intervistato, ”il Tribunale del Lavoro di Roma ha dato atto in sentenza della ‘obiettiva inconsistenza”’.

”E’ altrettanto infondata – dice l’Enav – l’accusa di non aver rispettato la normativa che prevedeva il raggiungimento di un obiettivo di recupero di produttività aziendale”. ”Palesemente false” anche ”le dichiarazioni relative ai rapporti con la società Optimatica” che ”opera in Enav dal 1999 con la stessa compagine azionaria costituita da persone fisiche residenti in Italia, con abilitazioni di sicurezza di elevato livello e con attività che vanno ben oltre quanto suggestivamente riportato nel contesto del servizio giornalistico”.

”Stupisce, inoltre, che venga riservata tanta evidenza alla testimonianza di un ex dirigente aziendale, in alcuni casi in assenza di contraddittorio o di preventiva verifica” conclude l’Enav che ”si era resa disponibile al contraddittorio”.