Rifiuti a Napoli: la Iervolino apre aree di stoccaggio in città

Pubblicato il 12 Aprile 2011 17:44 | Ultimo aggiornamento: 12 Aprile 2011 18:27

NAPOLI – Il Comune di Napoli apre in città aree di stoccaggio provvisorio dei rifiuti. Il sindaco Rosa Iervolino Russo, ”al fine di adempiere ad un obbligo assunto in sede di riunioni presso la Presidenza del Consiglio e di offrire un ulteriore contributo all’impegno che Regione Campania e Provincia di Napoli stanno portando avanti sul fronte dei rifiuti, ha firmato oggi – si legge in una nota – due ordinanze urgenti per ridurre la massa di rifiuti giacenti in città e per scongiurare piu’ gravi fenomeni di turbativa sociale, inquinamento ambientale ed emergenza sanitaria”.

Con la prima ordinanza viene disposto, per una durata di 120 giorni, l’impiego di due aree comunali, in via S. Maria del Pianto ed in via E. Gianturco (Palazzetto dello Sport in disuso), da adibire allo stoccaggio provvisorio e alla trasferenza dei rifiuti attualmente giacenti nelle strade cittadine e di quelli che sarà impossibile conferire negli impianti a disposizione del Comune di Napoli.

In attesa dell’allestimento dei due siti indicati, il sindaco Iervolino ha emanato un secondo provvedimento con il quale ha disposto la requisizione per i prossimi 120 giorni della vasca di sedimentazione sita nell’impianto di depurazione di Napoli Est (localita’ Ponticelli) di proprietà della Regione Campania. La vasca, già utilizzata in periodi di emergenza analoghi a quello attuale e rimasta poi in disuso, sarà adibita in tempi brevi allo stoccaggio provvisorio per liberare la citta’ dai rifiuti che, in base ai flussi di asporto concessi al Comune di Napoli non si riescono a smaltire.