Rignano Flaminio (Roma)/ I genitori dei bambini dell’asilo e il loro avvocato Carlo Taormina, querelano Carlo Giovanardi. Il sottosegretario con delega alla famiglia replica: “Vi querelo anch’io”

Pubblicato il 28 Luglio 2009 20:21 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2009 21:12

Annunciano querela per diffamazione nei confronti del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla famiglia Carlo Giovanardi l’avvocato Carlo Taormina e Arianna Di Biagio, il portavoce di Agerif, l’associazione dei genitori di Rignano Flaminio costituitasi dopo i presunti abusi sessuali al centro dell’inchiesta della procura di Tivoli.

All’origine della polemica un articolo del ”Giornale” che racconta della proiezione di un filmato con le testimonianze dei bimbi raccolte dai genitori, organizzata da Giovanardi a Palazzo Chigi per parlamentari di tutti gli schieramenti. Durante il video, il sottosegretario accusava fra l’altro il gip titolare dell’inchiesta: «Il gip ha sostenuto che in questi video non c’è finzione, non c’è suggestione… è assurdo».

Il video, secondo le madri e i padri di Rignano, era stato montato “ad arte”, da qui la decisione della querela. Taormina e l’Agerif, chiedono anche le dimissioni del sottosegretario: Giovanardi intanto ha replicato annunciando di querelare a sua volta l’avvocato Taormina e genitori di Rignano.