Rimborsi consiglieri Emilia: 900 € di “auto blu” per andare da Napoli ad Amalfi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Novembre 2013 9:50 | Ultimo aggiornamento: 23 Novembre 2013 9:51
Rimborsi consiglieri Emilia: 900 € di “auto blu” per andare da Napoli ad Amalfi

Rimborsi consiglieri Emilia: 900 € di “auto blu” per andare da Napoli ad Amalfi

BOLOGNA – Una “auto blu” costata 900 euro per percorrere i 75 chilometri andata e ritorno tra Napoli e Amalfi. Questo quanto Marco Monari e Roberto Montanari, consiglieri Pd della Regione Emilia Romagna, hanno pagato per partecipare al convegno AreaDem e si sono fatti rimborsare.

Nel mirino degli inquirenti che controllano i rimborsi dei consiglieri emiliani sono finiti Monari, che si è dimesso il 4 novembre dalla Regione, e Montanari proprio per questo viaggio: hanno speso 900 euro, ma avrebbero potuto spenderne appena 7 usando il traghetto.

Luigi Spezia su Repubblica spiega:

“Gli organizzatori si erano preoccupati di far spendere poco e avevano allegato al programma politico una scheda: da Salerno ad Amalfi potete arrivarci spendendo 7 euro di traghetto. Per chi arrivava da Napoli era più complicato: treno più bus, ma costi ugualmente popolari. Se uno avesse voluto spendere di più e fare un viaggio molto comodo, con 100-120 euro all’aeroporto di Capodichino poteva prenotare un’auto con conducente che lo portava fin sotto l’albergo di Amalfi. Stessa cifra al ritorno”.

Il titolare dell’azienda che ha fornito il servizio limousine ha dichiarato:

“«Significa semplicemente — dice il titolare dell’azienda che ha fatto il contratto — auto privata con conducente. A Milano dicono taxi blu.Le auto blu per noi sono quelle ministeriali. Se questi signori hanno speso 900 euro significa che la macchina l’hanno tenuta più giorni. Con 120 euro l’autista li portava ad Amalfi e arrivederci. Ma evidentemente l’autista è rimasto a loro disposizione»”.

L’inchiesta dei magistrati in Emilia Romagna va avanti e tra i 35mila scontrini sospetti anche quello dell’auto blu per Monari e Montanari è saltato subito all’occhio:

“Per la trasferta ad Amalfi, contestabile perché ha poco a che fare con il lavoro di un gruppo consiliare, Monari e Montanari, già si sa, avevano anche speso 800 euro per due notti all’albergo La Bussola, a quattro stelle. La nuova notizia sul salatissimo “servizio limousine” ha fatto perdere la pazienza ai renziani. Il ministro Graziano Del Rio, in un convegno a Modena, ha posto un beneficio del dubbio: «Speriamo che non sia vero, ma se lo fosse sarebbe inaccettabile ». A ruota, altri esponenti locali vicini a Renzi hanno chiesto le dimissioni dei due consiglieri o addirittura le elezioni anticipate”.