Rimini, gli tolgono la casa popolare e minaccia di morte la vicesindaco

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 28 marzo 2019 10:33 | Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2019 10:33
Rimini, gli tolgono la casa popolare e lui minaccia di morte la vicesindaco

Rimini, gli tolgono la casa popolare e minaccia di morte la vicesindaco (foto d’archivio Ansa)

RIMINI – Gli hanno tolto la casa popolare e lui ha minacciato di morte la vicesindaco di Rimini, Gloria Lisi. Con questa accusa un uomo della città romagnola è finito a processo.

La vicenda, spiega l’Agi, risale ad alcuni mesi fa ma è stata resa nota nelle ultime ore quando la donna è stata chiamata in tribunale per testimoniare. Secondo quanto emerso all’uomo, un riminese, era stato revocato l’utilizzo di un’abitazione residenziale pubblica in quanto, secondo l’ente locale, non ne aveva più i requisiti. A seguito del provvedimento, l’ex assegnatario ha fatto piu’ volte irruzione negli uffici di Lisi urlandole contro e minacciandola.

“Non ci sono diritti acquisiti – spiega la vicesindaco alla stampa romagnola – e i servizi sociali non funzionano piu’ su un welfare di tipo assistenziale. Le persone si devono dare da fare e imparare ad accettare un ‘no’ come risposta”. L’uomo dovrà rispondere di minacce aggravate. (Fonte Agi).