Rimini, donna si dà fuoco nel tribunale: ricoverata in gravi condizioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 aprile 2019 14:25 | Ultimo aggiornamento: 2 aprile 2019 14:25
Rimini, donna si dà fuoco in tribunale per protesta: è grave

Rimini, donna si dà fuoco nel tribunale: ricoverata in gravi condizioni

RIMINI – Una donna di 58 anni è arrivata al tribunale di Rimini intorno alle 10 del mattino del 2 aprile, è salita al primo piano, poi ha preso un accendino e si è data fuoco al grido di “la giustizia in Italia non è giusta”. La donna, originaria dell’Albania, è stata ricoverata in gravi condizioni in ospedale ma non sarebbe in pericolo di morte.

Secondo una prima ricostruzione, la donna è salita al primo piano del tribunale e una volta arrivata davanti alle cancellerie civili ha iniziato ad agitarsi e a gridare. Poi ha preso un accendino dalla sua borsa e ha dato fuoco al giubbotto in nylon che indossava. A soccorrerla un avvocato, che a mani nude ha tentato di toglierle il giaccone.

Sul posto sono intervenute la polizia e i soccorritori del 118, che l’hanno trasportata in ospedale a Rimini. Gli agenti intervenuti sul posto hanno spiegato all’Ansa che la donna lamenterebbe una serie di vessazioni nei confronti della figlia, per cui avrebbe presentato diverse denunce, al momento senza risultato. (Ansa)