Rissa al Just Cavalli, cinque “sancarlini” spaccano la faccia ad un avvocato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 settembre 2013 17:02 | Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2013 17:19
Rissa al Just Cavalli, cinque sancarlini spaccano la faccia ad un avvocato

Il Just Cavalli Cafè

MILANO – Rissa alla discoteca Just Cavalli Cafè di Milano. Un contatto involontario mentre si ballava ha fatto scattare l’ira di cinque “sancarlini“, come si chiamano i giovani della cosiddetta “Milano bene”, dal nome dell’istituto scolastico privato San Carlo. Alla fine i cinque sono stati denunciati e le loro case sono state perquisite.

Il pestaggio, racconta il Corriere della Sera, è avvenuto lo scorso 18 maggio. Luca T., avvocato milanese di 38 anni, era in discoteca con alcuni amici. Mentre ballava ha urtato un ragazzo di 22 anni. Da lì è scoppiata una lite furibonda, andata avanti anche fuori dal locale, nel parcheggio.

L’avvocato è stato aggredito anche da altri quattro amici del ventiduenne, tutti tra i 20 e i 22 anni. I cinque hanno anche rubato le chiavi dell’auto all’avvocato e lo hanno lasciato a terra sanguinante. Il giovane è stato portato in ospedale e i medici gli hanno riscontrato diverse fratture al viso e una lesione all’occhio. La prognosi dei medici è stata di 60 giorni.

Dopo quattro mesi di indagini i carabinieri sono riusciti ad individuare i cinque aggressori, che sono stati tutti denunciati per lesioni aggravate e rapina. Le loro case sono state perquisite.

E’ stato anche denunciato per favoreggiamento l’amico della vittima che ha assistito al pestaggio, senza intervenire, e si è rifiutato di rispondere agli inquirenti. Secondo quanto scrive il Corriere.it, le due compagnie si conoscevano, e per questo il testimone avrebbe taciuto.