Spongano (Lecce): scoperta truffa all’Inps, arrestate Rita e Maria Barbieri

Pubblicato il 16 Novembre 2010 21:53 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2010 23:32

Accusata di essere entrata illecitamente nel sistema informatico previdenziale, predisponendo falsi ordini di pagamenti relativi a pratiche intestate a defunti o persone inesistenti, una funzionaria del Comune di Spongano e’ stata arrestata dalla polizia insieme con la sorella. Si tratta di Rita e Maria Barbieri, di 58 e 50 anni, la prima responsabile del settore municipale dei Servizi sociali, la seconda disoccupata.

La truffa ammonterebbe a oltre 400 mila euro, incassati dal 2004 a oggi. Sono state catturate in base alle ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Lecce Ercole Aprile su richiesta del procuratore della Repubblica, Cataldo Motta. A quanto accertato, Rita Barbieri si introduceva sistematicamente nella rete informatica dell’Inps predisponendo ordini di pagamento, in suo favore ma soprattutto della sorella Maria, dei ratei arretrati maturati e non riscossi dagli eredi di beneficiari deceduti o, in molti casi, inesistenti.

Dei 42 nominativi di invalidi di cui le due donne si sarebbero auto-nominate eredi, ai fini della riscossione degli arretrati, soltanto cinque sono di persone realmente esistite e decedute; per gli altri 37 sono stati indicati soltanto i numeri identificativi, presi a caso tra i tanti della banca dati dell’Inps.