Riva, via libera alla cassa integrazione per i lavoratori già da giovedì

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 settembre 2013 10:48 | Ultimo aggiornamento: 15 settembre 2013 10:50
Enrico Letta

Enrico Letta

ROMA – Lunedì la trattativa con il governo: la cassa integrazione  per i 1400 lavoratori del gruppo Riva potrebbe quindi avere il via libera già da giovedì. Una soluzione tampone per i lavoratori delle aziende del gruppo coinvolto dall’inchiesta di Taranto sull’Ilva. Conti correnti bloccati per ordine del magistrato e la decisione dell’azienda di mettere in libertà i propri lavoratori e chiudere gli stabilimenti. Spiega il Sole 24 Ore:

Con la richiesta ufficiale di accesso agli ammortizzatori, attesa per domani, si dovrebbe arrivare rapidamente, entro giovedì, al via libera alla Cassa per tutti i lavoratori coinvolti. L’emergenza vera, però, resta il fermo degli impianti, che, per ragioni di mercato, non può durare a lungo. Ieri il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato ha precisato che proporrà una norma per la quale «il sequestro, quando è su un bene produttivo, deve intervenire senza interrompere la produzione. Stiamo verificando la legge, potremmo proporre una norma per integrare il codice civile». Per il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, «se è importante la Cig per i lavoratori, quello che però chiediamo al governo è una norma che faccia ripartire in fretta l’attività». Mentre il leader della Uil Luigi Angeletti ha detto: «sono imprese che funzionano. Pretendiamo che tornino a produrre: lo stato intervenga finanziariamente».

Tant’è che già domani, mentre i sindacati organizzeranno iniziative di protesta in Valcamonica, in Brianza, in provincia di Varese, di Cuneo e nel Veronese, i sindacati, la proprietà e le istituzioni si incontreranno per provare a comporre la vertenza, tamponando l’emergenza con la cassa integrazione e studiando alternative percorribili a riavviare la produzione. Ieri, in visita alla Fiera del levante a Bari, il presidente del Consiglio Enrico Letta ha definito «kafkiana la vicenda dell’Ilva» nel suo complesso e ha rivendicato il provvedimento di commissariamento preso dall’esecutivo, grazie al quale la stessa Ilva ora non è stata messa in ginocchio dal provvedimento della magistratura. Letta ha ribadito l’appuntamento di lunedì con l’obiettivo di «trovare una soluzione e salvaguardare la salute delle persone e la tutela dei lavoratori».