Roberta Ragusa, l’avvocato di parte civile a Antonio Logli: “Perché chiamasti l’amante?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 marzo 2018 15:24 | Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018 15:24
Roberta Ragusa (foto Ansa)

Roberta Ragusa (foto Ansa)

PISA – “Perché hai chiamato l’amante per dirle di spegnere il telefono mezz’ora dopo che era sparita Roberta Ragusa?”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Durante il suo intervento al processo di appello contro Antonio Logli per la morte e la scomparsa della moglie Roberta Ragusa, l’avvocato di parte civile Nicodemo Gentile, che rappresenta l’Associazione Penelope, si è anche rivolto direttamente all’imputato invitandolo ad alzarsi e a spiegare “perché alle 7.30 del mattino” del 14 gennaio 2012 “Logli avesse sentito la necessità di chiamare al telefono l’amante Sara Calzolaio per dire di spegnere il telefono pubblico e lasciare acceso il telefono dedicato. Roberta Ragusa era sparita da solo mezz’ora e poteva essersi recata da qualcuno nelle vicinanze. Perché Logli dette questa indicazione alla sua amante?”.

“Roberta – dice l’avvocato – sapeva di essere tradita dal marito e la sera prima aveva scoperto chi era l’amante, la baby sitter”.

“Speriamo che la sentenza sia oggi – ha aggiunto il legale – Roberta Ragusa è morta, ogni ipotesi che parli di un suo allontanamento volontario dall’abitazione è risibile, mentre sono certe le bugie di Antonio Logli”.