Cronaca Italia

Roberto Aldovini, 340 km di corsa tra i ghiacci dell’Alaska

Roberto Aldovini, 340 km di corsa tra i ghiacci dell'Alaska

Roberto Aldovini, 340 km di corsa tra i ghiacci dell’Alaska

BERGAMO – Roberto Aldovini come Chirs McCandless, il protagonista di “Into the Wild”: l’avvocato quarantunenne di Treviglio (Bergamo) ha deciso di sfidare il gelo lanciandosi in una corsa di 340 km in quattro giorni in Alaska. 

La “maratona”, racconta L’Eco di Bergamo, partirà venerdì 7 febbraio a nord di Anchorage. E di certo non saranno molti a parteciparvi.

“In queste situazioni, mi affascina il fatto di rimanere da solo, vivere il rapporto con me stesso e scoprire ogni volta qualcosa che non sapevo: le sensazioni si acutizzano e si passa dallo sconforto della stanchezza acuta fino alla gioia estrema per una coca-cola nel momento di pausa”,

ha spiegato al quotidiano bergamasco. E parlando di come l’hanno presa il padre e la fidanzata ha ammesso: 

“Sono tutti molto preoccupati: probabilmente, mio padre avrebbe preferito che gli dessi qualche dispiacere piuttosto che un’angoscia del genere: è riuscito a convincermi a portare con me un gps, cosa peraltro vivamente consigliata dall’organizzazione”.

Da tempo Aldovini ha iniziato una serie di allenamenti intensi: ogni pausa pranzo va in palestra e la sera corre due ore sui monti bergamaschi insieme al cane Scilla.

Mi abituo a gestire la stanchezza e la fame e provo a completare una settantina di chilometri ogni sabato, pareggiando una singola tappa in Alaska”.

Nelle distese bianche dell’Alaska, Aldovini sarà solo, Dovrà trascinare con sé una slitta con i viveri, il sacco a pelo, le ciaspole, giacche a vento, calze e benzina.

“Da quando ho scoperto questa realtà non so più farne a meno: l’ordine di arrivo è totalmente ininfluente, il sogno è arrivare fino in fondo”.

To Top