Roberto Vitali, il giornalista enogastronomico è morto. Era ricoverato da 17 giorni per il Covid

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Novembre 2020 17:30 | Ultimo aggiornamento: 19 Novembre 2020 17:30
Coronavirus, il picco della seconda ondata previsto fra il 26 e il 27 novembre

Coronavirus, il picco della seconda ondata previsto fra il 26 e il 27 novembre

Roberto Vitali, decano dei giornalisti enogastronomici lombardi e storico direttore di Lombardia a Tavola, è morto oggi all’ospedale Papa Giovanni dove era ricoverato da 17 giorni per il Covid.

Nato il primo gennaio del 1946 a Ciserano, Roberto Vitali era laureato in Lettere alla Cattolica di Milano e aveva iniziato a collaborare con L’Eco di Bergamo.

Negli anni si era specializzato nel giornalismo enogastronomico diventando direttore di Teleorobica, storica emittente televisiva bergamasca e nel 1986 fondò, insieme al collega Alberto Lupini, il mensile Bergamo a Tavola che poi nel 1990 si trasformò in Lombardia a Tavola restandone al timone fino al 2002.

Coronavirus, bollettino 19 novembre: 36.176 nuovi casi e 653 morti

Sono 36.176 i nuovi casi di coronavirus in Italia, circa duemila in più rispetto a ieri. E’ invece di 653 l’incremento delle vittime. Coronavirus, il bollettino di oggi, giovedì 19 novembre.

Si conferma in rallentamento la curva epidemica in Italia: crescono i nuovi casi ma anche i tamponi.

Sono 36.176 i contagi delle ultime 24 ore, contro i 34.283 di ieri, ma con 250.186 tamponi, quasi 16mila più di ieri.

La percentuale positivi/tamponi cala ancora per il terzo giorno di fila, seppur lievemente e passa dal 14,6 di ieri al 14,46 di oggi. In calo i decessi giornalieri, 653 oggi, esattamente 100 in meno di ieri, per un totale di 47.870. (Fonti: Ansa, Agi)