Rocca di Papa, il fuggi fuggi davanti alla perdita di gas: uno straccio a coprire la falla e via

di Dini Casali
Pubblicato il 11 giugno 2019 11:54 | Ultimo aggiornamento: 12 giugno 2019 11:44
Rocca di Papa, il fuggi fuggi davanti alla perdita di gas: uno straccio a coprire la falla e via

Rocca di Papa, il fuggi fuggi davanti alla perdita di gas: uno straccio a coprire la falla e via

ROMA – C’è chi ha dovuto correre tra le fiamme per mettersi in salvo dopo l’esplosione che ha devastato il palazzo del Comune di Rocca di Papa provocando 16 feriti tra adulti e bambini. Invece le cronache insinuano che gli operai (di una ditta in subappalto) che per sbaglio avevano trivellato la conduttura dell’Italgas fossero già in macchina. I carabinieri li hanno rintracciati a Isernia: c’è una ipotesi (ma per ora è solo un’ipotesi per l’appunto), e cioè che quando si sono accorti della fuga di gas, in fretta e furia hanno abbandonato il posto di lavoro, lasciando sulla falla uno straccio a mo’ di improvvisata copertura.

Se verrà confermata la ricostruzione più attendibile – e cioè che il gas fuoriuscito si sia incanalato nella condotta dell’ascensore saturandola prima che l’impianto elettrico facesse da innesco – la mossa ingenua dello straccio per turare la falla potrebbe aver avuto un impatto determinante, un’altra delle circostanze dell’incidente che i tre operai dovranno spiegare agli inquirenti che indagano per il reato di disastro colposo.

“Se non ci fosse stato probabilmente il metano si sarebbe disperso nell’aria invece di incanalarsi verso il seminterrato del palazzo”, hanno puntualizzato infatti tecnici e soccorritori che per primi hanno rinvenuto lo straccio. Nel frattempo è stata predisposta una zona rossa, continuano le verifiche sulla stabilità degli immobili circostanti, mentre sono 36 gli sfollati che non possono rientrare nelle loro abitazioni. (fonte Corriere.it)

5 x 1000