Rogo Thyssen, pene ridotte per tutti gli imputati: familiari vittime protestano VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Maggio 2015 15:25 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2015 18:01
Rogo Thyssen, pene ridotte per tutti gli imputati

Lo stabilimento dopo il rogo

TORINO – Condanne ridotte per tutti i sei imputati al processo ThyssenKrupp per l’incendio che provocò la morte di sette operai nel dicembre 2007. Lo ha deciso la Corte d’Assile d’Appello di Torino. Per l’amministratore delegato Harald Espenhahn la pena scende da dieci a nove anni e otto mesi. Appena la sentenza è stata pronunciata i familiari delle vittime hanno protestato in aula.

I sei imputati, tutti dirigenti della multinazionale tedesca dell’acciaio, sono accusati di omicidio colposo e omissione volontaria di cautele contro gli incidenti. La notte tra il 5 e il 6 dicembre del 2007 sette operai rimasero uccisi perché travolti dalla fuoriuscita di olio bollente.

Le vittime si chiamavano Antonio Schiavone, morto sul colpo, Roberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò, morti nei giorni successivi e Giuseppe DeMasi, morto il 30 dicembre in ospedale nonostante i disperati tentativi di salvarlo. le proteste dei familairi (video Repubblica Tv).