Rom non si ferma all’alt e tenta di investire i carabinieri: paura a Roma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 novembre 2017 13:28 | Ultimo aggiornamento: 19 novembre 2017 13:28
rom-roma-carabinieri

Rom non si ferma all’alt e tenta di investire i carabinieri: paura a Roma

ROMA – Per sfuggire a un controllo ha prima cercato di investire i carabinieri e poi, in una corsa al cardiopalma per le strade di Primavalle a Roma, ha travolto alcune auto parcheggiate. Non si è arreso nemmeno quando all’incrocio tra via Flaubert e via Andersen la sua Audi A5 è finita contro una Lancia K: due persone sono rimaste ferite e trasportate al policlinico Gemelli in codice giallo. A bordo due uomini, un 87enne e il figlio di 54 anni.

Mentre il giovane, 28 anni (già conosciuto dalle forze dell’ordine) residente nel vicino campo rom ha tentato la fuga a piedi fino a quando i carabinieri lo hanno raggiunto e bloccato. Non contento, in evidente stato di alterazione, ha iniziato a tirare calci e pugni ai militari. Alla fine è stato portato in caserma per tutti gli accertamenti del caso.

Come scrive Elena Panarella per Il Messaggero:

Erano da poco passate le 10, quando, venerdì mattina, una pattuglia di carabinieri della compagnia Trionfale era ferma su via Flaubert per controlli di routine sul territorio. Il conducente della Audi A5 alla vista dell’alt ha ingranato la marcia tentando di speronare la gazzella e poi è sgusciato via a tutta velocità. Per gli automobilisti di quella strada, molto trafficata a quell’ora, è stato terrore: colpita di striscio un’auto, poi ancora un’altra.

La corsa è finita con il tamponamento della Lancia K che, girando su se stessa, ha bloccato la vettura del giovane rom che, a quel punto, è sceso ed è corso a piedi per le strade di Primavalle. Poco dopo è raggiunto e fermato dai carabinieri. Durante la perquisizione nella sua auto sono stati ritrovati cocaina e più di mille euro in contanti. Sottoposto agli esami tossicologici è risultato positivo alla cocaina. Arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di alterazione psicofisica per assunzione di sostanze stupefacenti è stato portato in caserma e trattenuto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo. Sotto choc le due persone coinvolte nell’incidente e trasportate con il 118 in ospedale. Nel pomeriggio l’anziano è stato dimesso con una frattura al naso, e l’altra vittima, il figlio, è stato trattenuto in osservazione ma non sarebbe in pericolo di vita.